Back to Top

4 articles Articles posted in Tutti gli articoli

Meeting the Metropolitan Museum

Metropolitam_Museum_of_Art_by_Simon_Fieldhouse

We meet Peter Antony for the publication of “Photography and the American Civil War”, the catalogue for the eponymous exhibition at the Metropolitan Museum of New York, which was inaugurated on 2nd April and remains open until 2nd September of this year. The exhibition has brought the many photographs conserved in the museum to the light for the celebrations for the 150th anniversary of the battle of Gettysburg (1-3 July 1863), remembered as being the bloodiest of the American Civil War.

Peter Antony works in the museum’s Editorial Department and is willing to tell us a little about himself and his profession. While we wait to meet, he is on the telephone, defining the details of the jacket photographs for the book with Jeff Rosenheim, the author.

Could you talk to us about your work at the Metropolitan?

I work in the museum’s Editorial Department. Our department publishes about 30 books a year, including catalogues of exhibitions and of the collections and other publications about culture in general. On top of planning and producing the books, we also promote, distribute and sell them. In substance, the internal organisation might resemble that of a university press, but within a major art museum.

Our publishing programme thus responds to a project to promote and highlight culture and art and at the same, in the production of publications, creates new works of art. There are about 40 people involved in this project.

I am the Chief Production Manager; in other words, within the book production process, I am responsible for all the physical aspects of its realisation: design, photography, printing, and the making: choice of paper and binding.

Six people work alongside me full-time and another four work in particular on acquisition and promotion.

Which of these adjectives best describes your work and your role? Exciting, boring, difficult, stimulating, modest, successful, rich in relations…

The first adjective I’d pick is exciting. What excites me most of all is being able to recreate marvellous works of art in the books we publish. I really enjoy seeking out, with my team, the way to present these to best effect on paper, and it is exciting to have the same aims and be able to work together to achieve them.

The second adjective I’d pick is successful. The books we publish have won numerous prizes for their design or the refinements in the quality of publication. Every text is like a work of art, which with my staff we try to bring to realisation with passion.

The last adjective describing my role is rich in relations. I might say that interpersonal relationships are fundamental in my work, which is not the case for a writer, in which the primary relationship is with himself.

But for my work, it’s essential to set up relations based on trust and respect between collaborators, whether these be my own colleagues in the department or with individuals outside the Met. With many, I have had working relationships that have lasted years, while with others, like Massimo Tonolli, with whom I am working for the second time, the relationship is still being built up. The type of relationship is fundamental above all when there are some problems with the project: you want a work that is done better or faster. For example, with Jeff Rosenheim, with whom I was speaking earlier to define some operative aspects, there has been a relationship of reciprocal trust for years, which enables us to share the choices made by the other with perfect confidence.

Do you call the Metropolitan Museum ‘The Met’? A familiar way to speak of your workplace, considering that it is the largest and most important museum of art in the world.

Yes, it’s like a nickname.

Let’s talk now about the photographic exhibition, “Photography and the American Civil War”. Is there any special reason why The Met wanted this theme?

La Copertina del libro.The book cover related to the eponymous exhibition

The Met is the largest and most important museum of art in the world, collecting works of art of every period. We have 17 Curatorial Departments, which work constantly on the museum’s collections and organise exhibitions: Greek and Roman Art, European Painting, Photography, Drawings, Modern and Contemporary Art, amongst others. Each of these departments has a curator with different areas of interest and various skills and the shared aim of studying and highlighting the museum’s collections. For the 150th anniversary commemoration of the Civil War, Jeff Rosenheim wanted this exhibition to make available the thousands of photographs on the subject available to the public; these belong to the museum but have hitherto never been on display. In order to make the exhibition all the richer, photographs from private collections were also used.

In the presentation of the exhibition on the website, one can read that even though 150 years have passed, this war still represents an open wound for Americans…

It’s inevitable that this should be so, because of its high cost in human lives and despite the fact that over a century has passed, everyone who lives and grew up in the United States has been directly or indirectly affected by this war. In my case, it’s different because there was no-one from my family in the United States during the Civil War; they arrived later, emigrating from Italy and England, and I grew up in Pennsylvania, in the north. Probably, someone who lives in the south, in Georgia or Alabama, where the war was fought, would have a different story to tell. But all of us know about this conflict. And in Europe you probably have the same sort of feeling with regard to the Second World War.

He asks me about Europe and I tell him how Verona was bombed by the allies because it was a strategic Fascist crossroads. How the bridges over the Adige were been blown up by the Germans and later rebuilt.

Do you know Verona?

I know it well, because I’ve been there several times for work. It’s a city that I love: I like to stroll through its streets and observe its Roman and baroque past. I love seeing it from above, from Castel San Pietro and admiring the way it has moulded itself along the river Adige.

I know its churches; San Zeno and Sant’Anastasia are the ones I prefer, but I remember another one too, a little hidden away…

Stop and draw me a map…

It’s a medieval church, between Castelvecchio and Porta Borsari, on Corso Cavour, and it’s reached by crossing a marble arch and passing through a small sacristy. It’s a little hidden jewel, but I don’t recall its name.

I knew exactly what he was talking about and it is truly a little hidden jewel. But I couldn’t remember its name either – it’s San Lorenzo – and found it later, sending him the information by email.

 

Incontro con il Metropolitan Museum

Metropolitam_Museum_of_Art_by_Simon_FieldhouseIncontriamo Peter Antony in occasione della stampa di “Photography and the American Civil War”, il catalogo della omonima mostra al Metropolitan Museum di New York, che è stata inaugurata il 2 aprile scorso e sarà possibile visitare fino al 2 settembre di quest’anno. L’esposizione ha dato luce alle numerose fotografie che erano conservate nel museo, in occasione delle celebrazioni per i 150 anni dalla battaglia di Gettysburg (1-3 luglio 1863), ricordata come la più sanguinosa della Guerra Civile americana.

Peter Antony lavora presso l’Editorial Department del museo ed è disponibile a raccontarci un po’ di sé e della sua professione. Mentre aspettiamo di incontrarci è al telefono e sta definendo assieme all’autore del libro Jeff Rosenheim, le finiture delle fotografie di sovracoperta.

Potresti parlarci del tuo lavoro al Metropolitan?

Lavoro all’interno dell’Editorial Department del museo. Il nostro dipartimento pubblica circa 30 libri all’anno, tra cataloghi delle esposizioni e delle collezioni del museo e altre pubblicazioni di cultura generale. Oltre a progettare e a produrre i libri ci occupiamo anche della loro promozione, distribuzione e vendita. In sostanza la struttura organizzativa interna potrebbe assomigliare ad una University Press, una casa editrice universitaria, all’interno però di un grande museo d’arte. La nostra realtà editoriale risponde quindi ad un progetto di promozione e valorizzazione della cultura e dell’arte e crea nel contempo, nella realizzazione delle pubblicazioni, nuove opere d’arte. Circa quaranta persone collaborano a questo progetto.

Io sono Chief Production Manager ovvero sono responsabile, all’interno del processo di produzione del libro, di tutti gli aspetti fisici della sua realizzazione: dal design, alla fotografia, alla stampa, alla manifattura: la scelta della carta, la rilegatura.

Con me collaborano sei persone a tempo pieno e altre quattro persone si occupano in particolare di acquisition e promotion.

All’interno di questi aggettivi quali definiscono meglio il tuo lavoro e il tuo ruolo? Emozionante, noioso, difficile, stimolante, modesto, di successo, ricco di relazioni..

Il primo aggettivo che sceglierei è emozionante. Ciò che mi appassiona maggiormente è poter ricreare opere d’arte meravigliose nei libri che produciamo. Mi emoziona molto ricercare, assieme al mio team, il modo per renderle in maniera efficace sulla carta ed è emozionante avere gli stessi obiettivi e poter lavorare insieme per raggiungerli.

In seconda battuta sceglierei di successo. I libri che pubblichiamo hanno vinto numerosi premi per il design o la ricercatezza nella produzione. Ogni testo è come un’opera d’arte che con il mio staff cerchiamo di realizzare con passione.

L’ultimo aggettivo che rappresenta il mio ruolo è ricco di relazioni. Potrei dire che le relazioni interpersonali sono fondamentali nel mio lavoro, mentre non è così per un scrittore dove la relazione primaria è quella con se stesso. Per il mio lavoro invece è essenziale instaurare rapporti di fiducia e rispetto tra collaboratori, sia con i colleghi del dipartimento, sia con persone esterne al Met (il Metropolitan). Con moltissimi ho collaborazioni che durano da diversi anni, con altri, come con Massimo Tonolli, con il quale siamo alla nostra seconda collaborazione, la relazione si sta ancora costruendo. Il tipo di rapporto che si instaura è fondamentale soprattutto quando un progetto presenta dei problemi: si vorrebbe un lavoro fatto meglio oppure lo si vorrebbe più velocemente. Ad esempio con Jeff Rosenheim, con il quale ero al telefono prima per definire alcune scelte operative, esiste un rapporto di fiducia reciproca ormai da molti anni, che ci permette di condividere le scelte dell’altro tranquillamente.

Chiamate il Metropolitan Museum The Met? Un modo familiare di parlare del vostro luogo di lavoro, considerando che è il più grande ed importante museo d’arte al mondo.

Sì è come un nickname.

Parliamo ora della mostra fotografica “Photography and the American Civil War”.

La copertina del libro relativo alla mostraLa copertina del libro relativo alla omonima mostra

C’è un particolare motivo per cui The Met ha voluto questo tema?

The Met è il più grande ed importante museo d’arte al mondo, che colleziona opere d’arte di tutti i tempi. Abbiamo diciassette Curatorial Departments che costantemente si occupano delle collezioni museali ed organizzano le esposizioni: Arte Greca e Romana, Pittura Europea, Fotografia, Disegni, Arte Moderna e Contemporanea, tra gli altri. Ognuno di questi dipartimenti ha un curatore che ha differenti aree di interesse e diverse competenze ed ha come obiettivo quello di studiare e valorizzare le collezioni del museo. Jeff Rosenheim, in occasione delle celebrazioni per il centocinquantesimo anniversario della Guerra Civile, ha voluto questa mostra per rendere visibili al pubblico le migliaia di foto su questo tema, appartenenti al museo ma che fino ad oggi non erano mai state mostrate. Per arricchire l’esposizione sono state utilizzate anche foto appartenenti a collezioni private.

 

Nella presentazione della mostra, sul sito web, si legge che nonostante siano passati 150 anni, per gli americani questa guerra è ancora una profonda ferita…

E’ inevitabile che lo sia, per l’alto costo di vite umane e nonostante sia passato più di un secolo tutti coloro che vivono e sono cresciuti negli Stati Uniti sono stati direttamente o indirettamente toccati da questa guerra. Nel mio caso è diverso perché nessuno della mia famiglia era negli Stati Uniti durante la Guerra Civile, sono arrivati poi, emigrando da Italia e Inghilterra ed io sono cresciuto in Pennsylvania, nel nord. Probabilmente chi vive al sud, in Georgia o Alabama, dove la guerra si è combattuta, avrebbe una storia diversa da raccontare. Ma tutti noi comunque, conosciamo questo conflitto. Probabilmente anche in Europa avete lo stesso tipo di sentimento nei confronti della Seconda Guerra Mondiale.

Mi chiede dell’Europa e gli racconto di come Verona è stata bombardata, alla fine della guerra, dagli alleati perché punto strategico fascista. Di come i ponti sull’Adige siano stati fatti saltare dai tedeschi e siano poi stati ricostruiti.

Conosci Verona?

La conosco bene perché sono stato qui diverse volte per lavoro. E’ una città che amo molto: mi piace passeggiare tra le sue vie ed osservare il suo passato romano e barocco. Amo molto guardarla dall’alto, da Castel San Pietro ed ammirare il modo in cui è adagiata sul fiume Adige.

Conosco le sue chiese, San Zeno e Sant’Anastasia sono quelle che preferisco ma ne ricordo una in particolare, un po’ nascosta…

 Si ferma e mi disegna una mappa…

e’ una chiesa medievale, tra Castelvecchio e Porta Borsari, su Corso Cavour e si raggiunge attraversando un arco di marmo e passando per un piccolo sagrato. E’ un piccolo gioiello nascosto, ma non ne ricordo il nome.

 So esattamente di cosa sta parlando ed è realmente un piccolo gioiello nascosto. Ma nemmeno io ricordo il nome della chiesa di San Lorenzo, lo trovo solo più tardi e glielo ricordo in una mail. 

 

Biancaevolta – en

Here we go! Biancaevolta produces its first post.

The idea of creating a new, open virtual space arises from the desire to talk about the experiences, news, emotions and everything else we want to share and exchange with you from the world of art and culture.

Why Biancaevolta? We have dipped into the terminology of printing, in which bianca and volta are the terms used to indicate the two sides of a single sheet of paper (recto and verso in English).

When we leaf through a book, the bianca (recto) is the page that presents itself immediately and attracts our attention; volta (verso) comes a little later; it’s a step behind and, obviously, to see it we need to turn the page (voltar pagina in Italian). But it is no less important for all that: it too is full of significance. So why call a blog Biancaevolta? Because what prompts us is the desire to go beyond, to effect that little extra movement required to turn the page and so explore further and pick up that little extra piece of knowledge behind apparent reality.

But what lies behind this apparent reality? It is possible that something else exists, something that lies behind the first page and which, because we’re in a hurry or through oversight, we fail to glean, something that instead requires a careful look in order to succeed in penetration reality that little bit more.

So what will Biancaevolta talk about? Art, culture, a meeting with an artist or with someone with a story to tell, an event not to be missed or which we would like to have participated in, some thoughts which we just have to share with others… and which we hope will draw in those who, like ourselves, feel, want to know, understand and explore ideas, experiences, emotions, accounts and knowledge. But it will above all be an appointment that will be created and evolved as a work in progress, together with anyone wishing to join in this new experience. It will be a meeting place, and a venue for information and exploration. Most of all, it will be our place.

‘Hope to see you soon!

Biancaevolta – it

ci siamo! Biancaevolta esce con il suo primo post.

L’idea di creare uno spazio virtuale nuovo, aperto, nasce dal desiderio di raccontare le esperienze, le notizie, le emozioni e tutto ciò che, nel mondo legato all’arte e alla cultura, vorremo poter condividere e scambiare con voi.

Perchè Biancaevolta? Entriamo nel linguaggio tipografico, dove bianca e volta sono i termini per indicare le due facce di uno stesso foglio da stampa, un pò come dire il fronte e il retro, il recto e il verso. Quando sfogliamo un libro, bianca è la pagina che ci appare in modo più immediato, quella che si presenta per prima e che subito attrae la nostra attenzione; volta viene un pochino dopo, sta sempre un passo indietro e ovviamente per guardarla dobbiamo voltar pagina. Ma non per questo è meno importante e anch’essa è ricca di significati. Allora perchè chiamare un blog Biancaevolta? Perchè quello che ci muove è il desiderio di andare oltre, di fare quel piccolo movimento in più che è il voltar pagina e che ci permette di approfondire, cogliere anche la più piccola conoscenza che sta dietro la realtà apparente.

Ma cosa c’è dietro l’apparenza? È possibile che esista qualcos’altro, qualcosa che sta dietro la prima pagina e che per fretta o inconsapevolezza non riusciamo ad afferrare, qualcosa che necessita invece di uno sguardo attento che ci permetta di penetrare un po’ più a fondo la realtà.
Allora di cosa parlerà Biancaevolta? Arte, cultura, l’incontro con un artista o con chi ha una storia da raccontare, un evento da non perdere o al quale avremmo voluto partecipare, qualche riflessione che proprio non possiamo evitare di condividere.. e che, vorremmo, potesse coinvolgere chi come noi, sente, desidera conoscere, capire, approfondire idee, esperienze, emozioni, racconti, conoscenze. Ma soprattutto sarà un appuntamento che si costruirà ed evolverà work in progress, anche insieme a chi avrà voglia di vivere con noi questa nuova esperienza. Sarà luogo d’incontro, di informazione ed approfondimento. Sarà soprattutto un luogo nostro.

A presto